balken_sammlung

Monumenti storici della Svizzera

In qualità di ex capo della Sezione del patrimonio culturale e dei monumenti storici dell’Ufficio federale della cultura, sono particolarmente lieto del fatto che la raccolta di quest’anno sia dedicata alla salva¬guardia dei monumenti storici e che a tal fine venga creato un apposito fondo. La cura e il mantenimento dei monumenti rappresenta una sfida culturale, oltre che materiale, per tutti coloro che sono in possesso di beni storici; ma l’assistenza tecnica e il sostegno finanziario sono compiti legali delle istanze pubbliche coinvolte. Un ruolo davvero particolare viene perciò svolto dai contributi di sostegno di Pro Patria: essi costituiscono delle forme di incoraggiamento di tipo mirato e volontario per chi possiede monumenti storici di rilievo ed è animato da una particolare sensibilità culturale. I mezzi finanziari non provengono da fonti pubbliche ma vengono raccolti di anno in anno tra la popolazione. I cittadini che partecipano alle raccolte sono migliaia, come si può intuire guardando i seguenti numeri: un contributo di 10’000 franchi corrisponde per esempio alla somma totale ottenuta con le sovrattasse di 20’000 francobolli Pro Patria di tipo A. Oppure: per una donazione Pro Patria pari a 30’000 franchi devono essere venduti 5’000 distintivi del 1o Agosto.
Grazie alla mia precedente attività professionale posso affermare con certezza che i contributi finanziari di Pro Patria, al di là del loro specifico valore monetario, vengono ormai percepiti come «sigillo di qualità». Inoltre, alcune iniziative, per esempio quelle legate al programma dedicato agli edifici minori svizzeri, sono diventate da tempo una sorta di «marchio di fabbrica» e in molti casi contribuiscono in modo considerevole all’opera di mantenimento dei nostri beni culturali: i monumenti storici creano identità...
Le cifre e i numeri sopra menzionati mi spingono a rivolgere un sincero ringraziamento a tutti i sostenitori della nostra fondazione, conosciuti e non. Vorrei inoltre ringraziare in modo particolare tutte le donatrici e tutti i donatori, tutti i collaboratori di Pro Patria che, in modo volontario, si impegnano nella vendita per le strade, tutti i nostri connazionali che vivono all’estero, la Posta svizzera e i filatelici di tutto il mondo.

Johann Mürner, Presidente della Fondazione svizzera Pro Patria

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail